Vai a sottomenu e altri contenuti

SCIA Segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande presso un circolo privato

L'art.18 della nostra Costituzione stabilisce che i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale e che sono proibite unicamente le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare. Ai cittadini quindi è riconosciuto e tutelato costituzionalmente il diritto ad associarsi liberamente senza necessità di alcuna autorizzazione.
Per circolo privato deve intendersi una libera associazione di persone che si riunisce per perseguire fini e interessi (culturali, ricreativi, sportivi ecc..) comuni e l'accesso ai locali dei medesimi è consentito esclusivamente a determinati soggetti (soci).Per questo motivo i circoli possono gestire, senza dover richiedere alcun titolo autorizzativo, quelle attività culturali, sportive, ricreative ecc.. (palestre, sale da ballo, campi da tennis, cinema, spettacoli, ecc..) per perseguire i fini stabiliti nello statuto del circolo.
A questa piena e completa libertà pochi limiti sono posti dalla normativa vigente e possono essere così riassunti:
• la vendita di prodotti ai soci è soggetta alla disciplina della normativa regionale in materia;
• l'attività di somministrazione di alimenti e bevande ai soci è soggetta alla disciplina di cui al D.P.R. n. 235/2001;
• le altre attività non sono soggette ad alcuna autorizzazione solamente se sono rivolte esclusivamente ai soci;
•sono vietate comunque quelle attività vietate ai singoli dalla legge penale (gioco d'azzardo ecc..).
Attività di somministrazione di alimenti e bevande
Il D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, recante il regolamento di semplificazione del procedimento per il rilascio dell'autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande da parte di circoli privati conferma la scelta effettuata dal legislatore della legge n.287/91, all'art.3, comma 6.
Nel D.P.R. infatti i circoli vengono suddivisi in due tipologie e precisamente:
1) associazioni e circoli ADERENTI a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali, riconosciute dal Ministero dell'Interno
Questi per effettuare direttamente attività di somministrazione a favore dei rispettivi associati, presso la sede ove sono svolte le attività istituzionali, devono presentare al Comune una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241.
2) associazioni e circoli NON ADERENTI a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali.
Questi circoli invece (che devono comunque avere natura di ente non commerciale) per effettuare direttamente attività di somministrazione a favore dei rispettivi associati, presso la sede ove sono svolte le attività istituzionali, devono presentare al comune apposita istanza in carta legale di autorizzazione e dovrà essere compilata sull'apposito modello riportato in calce e presentata insieme alla documentazione richiesta.

Requisiti

L’attività di somministrazione di alimenti e bevande è subordinata alla presentazione di una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), ai sensi dell’art. 19 della L. 241/90, al Comune nel cui territorio è ubicato l’esercizio, nel caso di associazioni e circoli ADERENTI e l’attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data della presentazione della SCIA all’Amministrazione competente. La SCIA dovrà essere compilata sull’apposito modello riportato in calce e presentata insieme alla documentazione richiesta. La SCIA verrà sottoposta alle verifiche istruttorie di cui all’art. 6 della L. 241/90 e, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti di cui al punto precedente, l’Amministrazione competente, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione di cui sopra, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro un termine fissato dall’amministrazione, in ogni caso non inferiore a trenta giorni.

Costi

-

Incaricato

-

Tempi complessivi

-

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande presso un circolo privato Formato pdf 165 kb
Dichiarazione per identificazione dell'immobile Formato pdf 200 kb
Dichiarazione attività in deroga Formato pdf 200 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto